Nella bioraffineria di Venezia si produce biocarburante utilizzando oli vegetali esausti. A breve entrerà in funzione anche il sito di Gela, che si alimenta con l’umido proveniente dalla raccolta differenziata. Un bell’esempio di economia circolare supportata dalle tecnologie digitali. E proprio l’economia circolare è il modello su cui punta Eni – segnando una nuova era nell’evoluzione di questa storica realtà che, con il suo fondatore Enrico Mattei, dagli anni Cinquanta ha fatto un pezzo di storia d’Italia – facendo leva su tre elementi: integrazione, efficienza e impiego della tecnologia.

In particolare, è la tecnologia che giocherà un ruolo strategico in tutti i settori, sia sul fronte delle tecnologie proprietarie, che hanno già permesso a Eni di riconvertire la prima raffineria di petrolio in bioraffineria al mondo, sia su quello più trasversale della Digital Transformation, imprescindibile per poter mettere a punto nuovi ed efficienti modelli di business in ottica circular.

[continua a leggere]