Automazione 2020: iperautomazione

La cosiddetta iperautomazione porta le applicazioni di semplice automazione al prossimo step. Consentendo l’applicazione di tecnologie avanzate, come l’Intelligenza Artificiale e il machine learning, a processi sempre più automatizzati e richieste sempre più avanzate per l’intelligenza umana.  In alcuni casi, ciò signfica e implica la creazione di un gemello digitale dell’intera organizzazione che permette di visualizzare le funzioni, i processi e gli indicatori chiave di performance che interagiscono fra loro per produrre valore. Ma dal momento che nessuno strumento preso singolarmente è in grado di sostituire gli esseri umani, l’iperautomazione prevede una combinazione di elementi diversi. Questi strumenti includono fra le altre cose l’automazione dei processi robotici e software per la gestione intelligente del business.

La multiesperienza è la nuova esperienza

A partire dal 2020, la multiesperienza vedrà evolvere l’idea tradzionale di computazione da un punto singolo di interazione per includere invece interfacce multisensori e multi touch point, come ad esempio wearables e sensori computerizzati avanzati. Nel prossimo decennio, questa tendenza verrà identificata come esperienza ambientale. Ma la multiesperienza oggi è focalizzata sulle esperienze immersive che utilizzano la realtà aumentata, la realtà virtuale, la realtà mista, interfacce multicanale uomo-macchina e tecnologie sensoristiche.

[continua a leggere]