Sono oltre 400 le domande presentate dalle micro, piccole e medie imprese, nonché dalle startup innovative per accedere agli incentivi Brevetti+. Il bando, lanciato attraverso uno sportello digitale del Ministero dello Sviluppo Economico e dalla sua Direzione generale per la tutela della proprietà Industriale – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, si è aperto e chiuso in poco più di 24 ore (a partire dal 31 gennaio). La nota del ministero lo definisce un successo pieno.

Le risorse disponibili sono pari a 21,8 milioni di euro. Ora tocca a Invitalia passare alla fase di valutazione dei brevetti destinati a industrializzazione e ingegnerizzazione, organizzazione e sviluppo, trasferimento tecnologico; al termine della quale verranno erogati contributi sino a 140mila euro per ciascun progetto presentato. La misura ha l’obiettivo di sostenere l’acquisizione da parte delle aziende di servizi specialistici necessari per valorizzare e sfruttare commercialmente le idee brevettate.

La misura ha l’obiettivo di sostenere la capacità innovativa e competitiva delle Pmi attraverso la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei brevetti sui mercati nazionale e internazionale. Le agevolazioni sono finalizzate all’acquisizione, da parte delle aziende interessate, di servizi specialistici necessari per valorizzare e sfruttare commercialmente le idee brevettate.